UN RINGHIO FEROCE ED IL SALA TORNA IN FINALE

Alessio “Ringhio Interstellar” Rinieri: ”MVP”!

E’ ancora FINALE !!!!!!!!!!!!!

Finalmente dopo le ferie agostane gli Amatori Sala Baganza tornano a calcare la terra rossa del Campo Stuard  di Parma e finalmente si passa dalla chiacchiere su WhatsApp alle cose serie sul diamante. Nell’ultima sfida di Postseason del girone Master contro i Dipendenti Sanità ci si gioca l’accesso alla finalissima contro il già qualificato Cariparma. Da subito il Manager Bottioni mette in chiaro che in questa partita ci sono solo due cose importanti che non possono mancare: i bombolini di Poldi e la vittoria, non sono ammesse altre opzioni. La squadra risponde prontamente alle richieste e sfodera la migliore prestazione difensiva dell’intero campionato che ha zittito le pur poderose mazze venezuelane e anche la nostrana dell’amico “Negro” Negrini. Con uno strepitoso Rinieri in interbase, ma che dico interbase, INTERSTELLAR, che fa vedere i sorci verdi ai battitori del Sanità che non riescono mai a valicare il “The Wall” di Riccò, con il poker di esterni Tocco-Corradi-Bottioni F.-Leoni che, integrati alla perfezione e disposti a ventaglio come piante carnivore pronte a divorare gli insetti, hanno “accolto” nei guanti le palle delle pur efficaci battute avversarie non concedendo valide alle lunghe bordate dei sanitari e alle due “mostruose” prestazioni sul monte di lancio di Dallara che concede solo 2 punti in 4 inning e del closer Alfonso “Whirlpool” Poldi  che con i suoi lanci “centrifugati” (pochi e quasi tutti strike) non concede nulla negli altri 4 inning.

L’attacco, dopo un’iniziale ruggine dovuta alle ferie e nonostante la prima partita di tutto il campionato senza aver battuto nemmeno un HR, si è dimostrato concentrato solido e prolifico ed ha saputo sfruttare anche i piccoli errori commessi dal Sanità.

C’è chi preferisce il mare alla partita (Barilla !!??!!), c’è chi si sbatte per 200 km pur di esserci e giustamente si riveste di gloria (Rinieri !!!!!), c’è chi si ammala anche d’estate ma anche convalescente arriva e tifa per la squadra (Cacio), chi invece chi ha il polpaccio debole e non gli funziona né la parabola né il gps per arrivare al campo a sostenerla (Magnani) e chi acciaccato pur di esserci lancia solamente (e come lancia) ma non può battere (Dallara); cosi il Manager Bottioni con il coach Savi mettono in campo la seguente formazione: Papini (RIC) Savi (INT) Corradi (EC) Tocco (ES) Leoni (ED) Silvestri (1B) Rinieri (INT) Tanara (2B) Delfante (DH) Bottioni Federico (EC). A disposizione Bottioni D., Pizzi e Poldi.

Primo inning veloce per entrambe le formazioni con 4 battitori dei sanita e 3 del Sala subito out. Piccola disattenzione difensiva del Sala che incassa il punto ma reagisce e con il doppio di Silvestri porta a casa Leoni già in base anche lui con un doppio. Terzo inning e svolta della partita: il Sala incassa quello che sarà l’ultimo punto segnato dagli avversari e con i 5 battitori della parte alta del lineup Papini, Savi e Corradi che battono un doppio seguiti dai singoli di Tocco e Leoni segnano sul nuovo mega-tabellone luminoso 4 punti. I salesi segnano un punto al 4° inning con Silvestri mentre al 5°si riscatenano le mazze con le valide in successione di Silvestri, Rinieri, Tanara, Delfante (rbi), Bottioni F., Papini e Savi ; poi altri 3 punti al 7° inning con la serie di valide di Corradi, Tocco, Leoni (doppio), Silvestri e Rinieri che fissano il punteggio sul 13 a 2. La chiusura di partita all’8° inning è una degna passerella per il già citato Rinieri (MVP) che fa subito 2 out con prese atletiche e folgoranti assistenze in prima base e per il closer Poldi che fa out al volo l’ultimo battitore dei Sanità.

Per il secondo anno consecutivo il Sala Baganza approda in Finale dopo un campionato dominato (zero sconfitte) ed una Postseason che lo ha visto soccombere solo con il Cariparma al quale contenderà il titolo 2018.

Della difesa oltre al dominio della 1° base da parte di Silvestri, alla certezza del 2° base Tanara e del sempre più inamovibile Savi da segnalare l’esterno centro Thomas “Pillar” Corradi  (in prestito dai Blue Jays) che galvanizzato dalla trasferta in U.S.A. con una grande presa e successiva assistenza in salto al 3° base, ha deliziato il numerosissimo pubblico presente sulle gradinate dello “Stuard Stadium”.

In attacco su tutti le prestazioni di Silvestri 4 su 4 con 2 punti segnati e 1 RBI, Bottioni F. 3 su 3 con 1 punto segnato e 1 RBI, Leoni 3 su 4 con 2 punti segnati e 3 RBI, Savi 3 su 4 con 1 punti segnato e 3 RBI e Tocco 3 su 4 con 1 punto segnato.

Finalissima e assegnazione del titolo di Campioni dello “Slowpitch Parmesan Series 2018” martedì 18 settembre ore 21,00 contro Cariparma – Campo Stuard 2 Parma.

La Voce del Dugout

L’inviato D.B.